UnipolPay

Chi siamo

UnipolPay S.p.A. è un istituto di moneta elettronica (IMEL) debitamente autorizzato a fornire servizi di pagamento e di moneta elettronica in Italia.

UnipolPay nasce con l’obiettivo di offrire agli utenti una soluzione di pagamento innovativa che accompagni e faciliti il consumatore nelle azioni quotidiane, con particolare riferimento ai bisogni in ambito mobilità, salute, casa ed educazione finanziaria.

Contatti

Sede legale: Via Stalingrado 37, 40128 Bologna (BO)

PEC: unipolpay@pec.unipol.it

Governance

Consiglio di amministrazione

Laterza Matteo Lovati Giacomo Leonardo Rubattu Renato Giovannini Lusignani Giuseppe
PRESIDENTE VICEPRESIDENTE AMMINISTRATORE DELEGATO CONSIGLIERE CONSIGLIERE

Trasparenza e Privacy

In coerenza con quanto previsto dalle vigenti disposizioni normative, si riportano di seguito le informazioni relative alle condizioni economiche dei prodotti e servizi offerti da UnipolPay, al trattamento dei dati personali, nonché le guide pratiche e altre informative utili. 

Corporate

Retail

Merchant

Guide e informative

Reclami, ricorsi e mediazione

La soddisfazione dei nostri Clienti è per noi obiettivo quotidiano; la gestione di un reclamo rappresenta pertanto un ulteriore momento di ascolto e di attenzione per rispondere al meglio alle tue esigenze.

Nel caso in cui non ti ritenessi soddisfatto potrai inoltrare un reclamo utilizzando i seguenti canali:

  • posta raccomandata a/r all’indirizzo UnipolPay S.p.A., Ufficio Reclami, Via Fara 39, 20124 Milano (MI);
  • posta elettronica ordinaria all’indirizzo reclami@unipolpay.it, dal tuo indirizzo di registrazione;
  • posta elettronica certificata (P.E.C.) all’indirizzo reclami.unipolpay@pec.unipol.it.

Il nostro ufficio reclami risponderà sollecitamente e comunque entro 15 giorni lavorativi dalla ricezione del reclamo. In situazioni eccezionali, se l'ufficio non avrà la possibilità di rispondere entro i termini indicati per motivi indipendenti dalla propria volontà, invierà una risposta interlocutoria, indicando le ragioni del ritardo nella gestione del reclamo e specificando il termine entro il quale otterrai un riscontro definitivo.

Altre modalità - ricorsi e mediazione

Nel caso in cui non sia soddisfatto delle risposte fornite da UnipolPay o non abbia ricevuto risposta, ti ricordiamo che, in base alla vigente normativa, hai la possibilità di rivolgerti a:

Arbitrato Bancario Finanziario (ABF)

L’ABF è un sistema stragiudiziale di risoluzione delle controversie che offre un'alternativa più semplice, rapida ed economica, rispetto al ricorso al Giudice.

L’ABF è un organismo indipendente e imparziale che decide - in pochi mesi - chi ha ragione e chi ha torto.

Per informazioni generali su questo sistema e specifiche su ricorsi presentati, puoi:

  • consultare il sito www.arbitrobancariofinanziario.it
  • telefonare al numero verde 800.19.69.69
  • consultare la guida all’Arbitro Bancario Finanziario “ABF in parole semplici” in formato pdf

Conciliatore BancarioFinanziario (anche in assenza di preventivo reclamo)

Il Conciliatore BancarioFinanziario è un'associazione che offre vari modi per affrontare e risolvere le questioni tra gli intermediari bancari e finanziari e la loro clientela.

Puoi rivolgerti a quest’organismo, ad esempio, nel caso in cui scegli di affidare la controversia ad un terzo indipendente, chiamato “mediatore” (che verrà scelto dall'organismo del Conciliatore BancarioFinanziario), che avrà il compito di agevolare il tentativo delle parti di raggiungere un accordo spontaneo.

Per informazioni su questi sistemi puoi:

Ti segnaliamo che è obbligatorio, prima di agire in giudizio, esperire il “tentativo di mediazione”, cioè chiamare la controparte di fronte a uno degli organismi di mediazione iscritti nell’apposito Albo e tentare così di raggiungere un accordo spontaneo. Ad esempio, possono essere utilizzati per svolgere tale “tentativo di mediazione” obbligatorio, i sopra citati ABF, Conciliatore Bancario Finanziario e ogni altro organismo riconosciuto dal Ministero della Giustizia.

PSD2 Gateway

Grazie alla Direttiva europea 2015/2366 (PSD2) è possibile far dialogare tra di loro i conti aperti presso banche e prestatori di servizi di pagamento diversi. Con l’obiettivo di creare un mercato dei pagamenti europeo più integrato ed efficiente, la PSD2 ha introdotto nuovi servizi che consentono a terze parti autorizzate (third party providers o TPP) di accedere alle informazioni sui saldi e i movimenti del tuo conto online oppure di inizializzare delle operazioni di pagamento direttamente sul tuo conto.

In linea con gli obiettivi della PSD2, aderendo alla piattaforma CBI Globe, implementata da CBI S.c.p.a., UnipolPay permette ai TPP di scambiare informazioni e pagamenti online con i suoi conti.

Come operare con UnipolPay in qualità di TPP?


Per poter utilizzare l’interfaccia dedicata API di UnipolPay, in qualità di Terza Parte (TPP), è necessario registrarsi sulla piattaforma CBI Globe e seguire il processo di registrazione previsto, comprensivo anche dello step di caricamento dei certificati eIDAS.

Al completamento della procedura, il TPP avrà la possibilità di:

• accedere all’API Portal e consultare le specifiche tecniche delle interfacce. Oltre alle specifiche generali di CBI Globe, è disponibile sull’API Portal un documento, denominato Annex, con il dettaglio delle interfacce di UnipolPay per agevolare ulteriormente le attività di integrazione;

• effettuare dei test di colloquio con le API di UnipolPay in ambiente di Sandbox (utilizzando le utenze di test indicate nel documento Annex) ed integrare le API di produzione.

Link correlati

Dati societari

UnipolPay S.p.A.

Codice Fiscale/P.iva 03961561200
Registro delle imprese: Bologna 03961561200
R.E.A.: 558961
Capitale sociale: Euro 27.350.000,00
Sede legale: Via Stalingrado n. 37 - Bologna