Disclosure delle informazioni legate al clima

Le assicurazioni svolgono un ruolo fondamentale nella lotta ai cambiamenti climatici sia in quanto risk carrier (ovvero attraverso l’offerta di prodotti e servizi volti a proteggere i soggetti del territorio contro gli impatti degli eventi naturali ed atmosferici), sia in quanto risk manager (attraverso il supporto ad altri soggetti sia pubblici che privati nell’attuazione di azioni volte a prevenire e ridurre i rischi climatici e favorire maggiore resilienza delle comunità locali ai cambiamenti climatici) sia in veste di investitori istituzionali per mobilitare le risorse necessarie per finanziare la mitigazione e l’adattamento ai cambiamenti climatici.

Consapevole di questo ruolo, il Gruppo Unipol ha deciso di consolidare il suo percorso di rendicontazione di informazioni finanziarie connesse al clima, identificando e rendicontando sia gli aspetti legati al clima che impattano sul modello di business dal punto di vista finanziario che quelli che hanno una rilevanza da un punto di vista ambientale e sociale (secondo l’approccio di “doppia materialità” illustrato nel grafico riportato a seguito). Facendo riferimento alle Raccomandazioni emanate dalla Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD) e alle “Linee Guida sulla rendicontazione delle informazioni connesse al clima” della Commissione Europea, Unipol ha pubblicato a marzo 2020 il suo primo report dedicato specificamente alla rendicontazione di informazioni legate al clima.

Doppia materialità

POTENZIALI IMPATTI
POTENZIALI RISCHI