I comitati consiliari

L’impegno a una gestione sostenibile del Gruppo è garantita in primo luogo dall’attribuzione a due Comitati del Consiglio d’Amministrazione del compito di indirizzare e vigilare in tal senso.

Sono previsti, in capo alla holding, in coerenza con il suo ruolo di indirizzo e controllo, con funzioni consultive, propositive e deliberative sia il Comitato Etico, composto esclusivamente da amministratori indipendenti, che il Comitato per la Sostenibilità.
In particolare il Comitato Etico, in sinergia con l’Ethic Officer a sua volta nominato dal Consiglio, ha il compito di promuovere la coerenza tra i principi del Codice Etico e le politiche aziendali, attivarsi per la conoscenza e la comprensione del Codice Etico, vigilare sul rispetto del Codice Etico e curare annualmente la pubblicazione del Rapporto Etico.

Il Comitato per la Sostenibilità supporta il Consiglio di Amministrazione nella definizione del modello di identificazione, valutazione e gestione dei principali rischi ESG, tra cui in particolare quelli legati al clima, dei loro impatti sulla strategia di business e delle politiche attive per il raggiungimento degli obiettivi di COP21, nonché nella definizione degli impegni e nel monitoraggio degli Indicatori. Inoltre il Comitato condivide ed approva gli strumenti di rendicontazione.

Una specifica responsabilità è inoltre prevista in capo al Comitato Controllo e Rischi; ad esso è richiesto di esaminare il modello di identificazione, valutazione e gestione dei principali rischi ESG, tra cui in particolare quelli legati al clima, nell’ambito delle sue funzioni di supporto al Consiglio di Amministrazione nell‘identificazione e gestione dei principali rischi aziendali e nella verifica che gli stessi risultino correttamente identificati, adeguatamente misurati, gestiti e monitorati.